Trail del Viandante

Scritto
domenica 1 giugno 2014 alle ore 21.13

Bellissimo percorso con panorami grandiosi sul lago , piuttosto discontinuo con molti tratti corribili. Unica pecca un po' troppo asfalto nel finale.
Tempo finale 2:52
Lunghezza: 25 km
Dislivello: 1300 mt

Dopo una serie di indecisioni dovute alla troppa vicinanza temporale rispetto alla Resegup (solo 5 giorni per il recupero), decido di partecipare a questa gara quando ormai restavano disponibili solo una decina di pettorali.
Si tratta della prima edizione del Trail del Viandante e, conoscendo abbastanza bene i luoghi, non me la voglio assolutamente perdere.

L'organizzazione ha deciso di iniziare con una versione ridotta del Sentiero del Viandante. Il percorso completo infatti parte da Abbadia Lariana e si sviluppa per più di 40 km lungo la sponda est del Lago di Como. Meglio cosi, nella sua versione integrale credo non sarebbe stato alla mia portata!
Nonostante il "taglio", il percorso rimane comunque interessante con i suoi 25 km ed i 1300 metri di dislivello (1000 dichiarati dall'organizzazione).

La gara prende il via dal lungo lago di Bellano e sale con pendenze moderate. Si susseguono diversi saliscendi con begli scorci molto panoramici sul lago dopo i quali giungiamo a Dorio avendo già percorso circa 10 km.
A questo punto inizia la parte più impegnativa con una bella impennata di 400/500 mt che ci porta in località San Rocco, bellissimo balcone panoramico sul Golfo di Piona.
Siamo circa a metà gara ed il sentiero riparte con i continui saliscendi che lasciano spazio a tratti lungo i quali correre piuttosto bene.

Lentamente ci portiamo sul versante nord del Monte Legnone dove la visuale cambia aprendoci la vista sul Pizzo Ligoncio e le cime della Val Chiavenna.
La stanchezza ormai comincia a farsi sentire ed i numerosi ristori alleviano la sete e la fatica.

L'ultima parte del percorso si sviluppa in gran parte su asfalto e fondo cementato, vero e proprio massacro per le mie ginocchia e anche doloranti.
Ancora qualche saliscendi (l'ultimo, quasi una beffa) e finalmente l'arrivo!

Organizzazione nel complesso piu che buona ad eccezione del pranzo finale un po' troppo confusionario.

Un'esperienza sicuramente da ripetere anche l'anno prossimo!