44 passi ed il grande "gioco dell'avventura" - recensione

Scritto
giovedì 8 agosto 2013 alle ore 22.03

Su segnalazione di Andrea Savonitto (gestore del rifugio Croce di Campo in Val Cavargna), qualche mese fa ho acquistato il libro/guida "44 PASSI - itinerari per famiglie in Valtellina e Valchiavenna" di Luca Arzuffi, edito da Lyasis Edizioni.
L'ho fatto un po' per pura curiosità verso nuove idee di escursione, perché c'è sempre qualcosa di nuovo da scoprire e da cui prendere spunto; un po' per pura didattica, nel senso di provare a vedere come potesse essere realizzato un lavoro di elevato livello professionale su un tema da sempre a me tanto caro, cioè quello del trekking con i bambini.
In realtà sia in letteratura sia sul web c'è molto poco. In letteratura, il focus è incentrato principalmente sulle escursioni mediamente impegnative, che purtroppo non sempre si adattano alle esigenze delle famiglie con bambini. Sul web, oltre alla precedente motivazione, ormai si trova un po' di tutto: dai siti fatti con cura, esperienza e passione, a quelli dove invece le descrizioni lasciano un po' a desiderare.
Ma torniamo al libro.
L'impatto iniziale è notevole: ottima impaginazione, ma questo non mi ha stupito più di tanto, visto che nella mia piccola biblioteca sono presenti diversi libri della Lyasis, tutti di ottima "fattura". Così come sono di alto livello le schede tecniche, le descrizioni corredate di consigli adatti proprio alle famiglie, ed infine le fotografie.
Gli itinerari sono suddivisi in modo logico ed uniforme in tutta l'area della Valtellina: andiamo dunque dal Pian di Spagna, passando per la Valchiavenna, la Val Masino, la Val Malenco, fino ad arrivare alle escursioni in Alta Valtellina con base di partenza tra Livigno e Santa Caterina di Valfurva.
Non molto tempo fa, per tutta una serie di eventi, ho avuto poi il piacere di conoscere personalmente l'autore, Luca Arzuffi, e condividere insieme a lui ed alla sua famiglia l'entusiasmo di un weekend trascorso al Rifugio V° Alpini apprezzandone oltre che la professionalità e la serietà anche il lato puramente giocoso e divertente.
Ed è proprio con questo spirito che Luca ci accompagna nei suoi itinerari adatti proprio a tutti, fornendoci una sorta di guida ispiratrice per le nostre uscite in compagnia dei nostri figli. Non mancano infatti utili consigli per rendere l'escursione, attività tendenzialmente un po' ostica da far digerire ad un bambino, come un momento di puro e sano divertimento.
Quello in cui viviamo, è un mondo dove ormai siamo quasi vincolati al concetto che vivere all'aria aperta significhi nulla di più che recarsi al più vicino parco cittadino; noi adulti, a volte non ci rendiamo conto che abbiamo la grande possibilità di conoscere ed esplorare posti nuovi a due passi dalla città, vivendo a stretto contatto con la natura, se non addirittura "nella" natura stessa.
Abbiamo il privilegio di poter "insegnare" ai nostri figli lo stupendo gioco dell'avventura, fatto di eventi al di fuori dell'ordinario come l'incontro con un branco di camosci; un gioco fatto anche perché no, di qualche rischio o imprevisto, chiaramente rapportato alla loro età ed entro i limiti della sicurezza, come il superamento di un torrente, o di un tratto innevato o di un sentiero particolarmente impegnativo per le loro giovani gambe; possiamo semplicemente giocare a ritrovare il giusto sentiero dopo aver fatto finta di esserci persi in un bosco, magari infestato dai folletti o strane creature.
Ed ecco che allora una semplice escursione in montagna può trasformarsi per loro e per noi in una vera e propria esperienza a 360 gradi e può diventare propedeutica alla più lunga e complicata "avventura" che sarà la loro vita.
Allora ogni tanto concediamoci anche noi un momento di sano e intenso benessere allontanandoci dalla logica che palestre, beauty farm, cinema, fast food, sale giochi e quant'altro, siano l'unica fonte di riposo e ricreazione, e riscopriamo per una volta il piacere di CAMMINARE nella natura.
Un po' di buona volontà, l'entusiasmo e l'energia vengono da se, e a questo punto non ci resta altro da fare che compiere il primo, di questi 44 passi.
Dopo tutto, c'è sempre tempo per ritornare ognuno nella propria vita. Probabilmente, al termine delle nostre avventure, ci accorgeremo che anche se non saremo diventati persone migliori di quelle che eravamo prima di "partire", senza dubbio saremo quantomeno "rinati" nel corpo e nello spirito.

Il libro è acquistabile nei principali negozi on-line e direttamente sul sito dell'editore http://www.lyasis.com