Immersione alla Parete (Lago di Como, Moregallo)



Logbook

Immersione n. 111 del 05/05/2013
Profondità: 38 metri | Tempo: 0.29

Immersione alle macchine. Visibilità pessima nei primi 15 metri, poi meglio. Un po' di freddo alle mani causa guanti di 2,5 mm. La parete è sempre uno spettacolo!

Immersione n. 103 del 13/10/2012
Profondità: 42 metri | Tempo: 0.33

Bella immersione con Mauro B. e Franco. Trovato solo una macchina (la Mini), poi giro in parete. Buona visibilità ma freddo.

Immersione n. 91 del 07/07/2012
Profondità: 31 metri | Tempo: 0.37

Immersione in parete con Vanessa e Mauro. Visibilità discreta ma moltissimo freddo. Abbiamo fatto il giro classico scendendo alle prime due macchine. Poi ritorno un po' più alti per via del freddo.

Immersione n. 42 del 09/07/2011
Profondità: 23 metri | Tempo: 0.29

Immersione con gruppo Ferrea dopo gli esami di acque libere. Visibilità scarsa. Mal di testa a metà immersione. Per il resto tutto ok.

Immersione n. 18 del 13/11/2010
Profondità: 24 metri | Tempo: 0.38

Provati gli erogatori nuovi. Con Lorenzo, Mauro, Michelangelo, Vanessa e Giovanni il solito giretto. Visibilità discreta e freddo dopo i 25 minuti di immersione. Fatto un piccolo filmato che potete vedere qui

Carica altre immersioni in questo punto...

Immersione n. 17 del 06/11/2010
Profondità: 27 metri | Tempo: 0.38

Purtroppo oggi visibilità scarsa anche in parete; a voler guardare bene non c'è poi molta differenza tra oggi e sabato scorso in notturna, a parte il fatto che in notturna è tutto più nero. Ho dimenticato a casa la maglia sottomuta e lenti a contatto. Patito un po' il freddo verso la fine dell'immersione a partire dai 30 minuti. Il giro identico a quello di settimana scorsa (presepe, parete, croce con il sub, altra croce, jeep): ovviamente oggi sono riuscito a vedere e godermi meglio lo spettacolo: la parete in particolare è MAGNIFICA! Lorenzo e Mauro come compagni.

Immersione n. 16 del 30/10/2010
Profondità: 24 metri | Tempo: 0.29

Prima esperienza di immersione notturna, tecnicamente disastrosa: assetto pessimo, consumi elevatissimi, stress ai massimi livelli come mai prima d'ora. Dopo una lunga pinneggiata arriviamo alla parete fermandoci a quota di circa 24 metri: la parete è stupenda, ma per me sono pochi gli attimi in cui riesco a godere appieno dello spettacolo visto che la mia attenzione è dedicata a guardare Lorenzo e il fondo scuro e profondo che si spinge sotto di me fino a 80 metri. Tra i mille pensieri che mi passano per la testa riesco ad intravedere un paio di spaccature nel bianco della parete e qualche cengia. E' un spettacolo impressionante e fa paura; sento la bocca amara. Dai 24 metri, riesco ad intravedere un segnale stradale posizionato da qualcuno ad indicare i meno trenta metri. Finalmente cominciamo a tornare e a salire qualche metro. Ritorniamo sul pianoro e comincio a rilassarmi, guardo il manometro e mi rendo conto che ho consumato un casino; lo segnalo a Lorenzo che mi fa cenno di rilassarmi. Incontriamo un pesce enorme, una cosa strana con tre croci sopra, una croce alta più di un metro e poi ci dirigiamo verso la jeep che si trova tra i 12 ed i 15 metri. Alla sosta di sicurezza spegnamo anche le torce, siamo ormai ai 6 metri e sono completamente ritornato in me stesso. Come prima notturna è stata un po' tosta sia per la quota, sia per la tipologia di immersione in parete: è andata bene, ma aspetto la prossima per decidere se mi piace o no.