Libri letti di recente


BelloBelloBelloBelloBelloBello

13/08/2014 - No way down
di Graham Bowley
Genere: Montagna - Anno: 2011

"No way down" è la ricostruzione giornalistica di una delle più grandi tragedie della montagna. Il 2 Agosto 2008, ben 11 alpinisti perdono la vita durante la scalata alla seconda montagna più alta del mondo, il K2. Il K2 è una montagna difficile, sia per le difficoltà tecniche, sia per l'imprevedibilità delle condizioni meteorologiche che spesso si incontrano; è anche una delle montagne più pericolose. Attraverso una vera e propria inchiesta giornalistica, l'autore ricostruisce con precisione incredibile dialoghi, gesta, errori, sensazioni ed emozioni di quei giorni terribili. Tra i protagonisti c'è anche il valtellinese Marco Confortola, il quale è uno dei pochi a salvarsi miracolosamente, e l'unico testimone delle ultime ore che precedono il tragico epilogo. Un libro da leggere tutto d'un fiato per come è scritto e per i fatti che in esso vengono raccontati. Nonostante questo va comunque considerato il fatto che l'autore non ha mai partecipato ad una spedizione su un 8000 e che l'intera vicenda viene narrata come ricostruzione esterna.


StupendoStupendoStupendoStupendoStupendoStupendo

12/08/2014 - E' buio sul ghiacciaio
di Hermann Buhl
Genere: Montagna - Anno: 2007

Hermann Buhl è considerato uno dei più forti alpinisti estremi di tutti i tempi. Parliamo ovviamente del periodo classico dell'alpinismo, quello dei Cassin e dei Bonatti, tanto per capirci. Il libro è la sua biografia, scritta di suo pugno, in modo veloce e schietto. Partiamo dalle prime salite sulle vette nei dintorni di Innsbruck, sua città natale, per arrivare poi all'incredibile impresa della nord-est del pizzo badile in solitaria (percorrendo in bicicletta la strada che da Innsbruck conduce alle pendici del monte), alla grande opera di salvataggio sulla nord dell'Eiger fino alla conquista del Nanga Parbat, sempre in solitaria (a partire dall'ultimo campo) e senza l'ausilio di bombole di ossigeno. Quest'ultima considerata poi una delle più grandi imprese della storia dell'alpinismo. E' buio sul ghiacciaio è un libro che non può assolutamente mancare in ogni libreria di chi volesse conoscere la storia dell'alpinismo.


BelloBelloBelloBelloBelloBello

12/12/2013 - Prealpi Lombarde Occidentali
di Roberto Ciri, Oliviero Bellinzani
Genere: Montagna - Anno: 2013

E' uscita nelle librerie la nuova guida escursionistica intitolata "Prealpi Lombarde Occidentali" di Roberto Ciri e Oliviero Bellinzani, all'interno della quale sono pubblicate una decina di mie fotografie. Si tratta di una guida molto completa dedicata alle cime delle Prealpi Varesine e Comasche: ben 90 vie normali, molte delle quali poco conosciute e scarsamente frequentate, suddivise in schede con descrizione dettagliata dei percorsi di avvicinamento e salita, difficoltà, dislivelli, foto a colori con tracciato della via, schizzi di salita per le vie di roccia, difficoltà, foto di dettaglio, cenni storici e cose da vedere in zona. Si tratta del secondo di tre volumi dedicati alle Prealpi Lombarde e prende in considerazione i 13 gruppi montuosi compresi nelle Prealpi Occidentali, dette anche Prealpi Varesine e Comasche: Tamaro, Nudo-Colonna, Campo dei Fiori-Martica, Sette Termini-Piambello-San Giorgio, Camoghè, Fiorina, Gino, Generoso, Tremezzo, Gordona-Bisbino, Palanzone, San Primo, Corni di Canzo. Il libro è edito da Idea Montagna ed è disponibile nei principali stores on line, nonchè sul sito dell'editore.


StupendoStupendoStupendoStupendoStupendoStupendo

08/08/2013 - 44 passi - Itinerari per famiglie in Valtellina e Valchiavenna
di Luca Arzuffi
Genere: Montagna - Anno: 2013

Su segnalazione di Andrea Savonitto (gestore del rifugio Croce di Campo in Val Cavargna), qualche mese fa ho acquistato il libro/guida "44 PASSI - itinerari per famiglie in Valtellina e Valchiavenna" di Luca Arzuffi, edito da Lyasis Edizioni.


Leggi la recensione


BelloBelloBelloBelloBelloBello

14/08/2011 - Il canto delle manere
di Mauro Corona
Genere: Montagna - Anno: 2009

Incredibile come Mauro Corona in questo libro riesca a descrivere gli elementi della natura con poche, semplici ma efficaci parole. La storia di Santo Corona è solo un pretesto per permettere al lettore di calarsi negli splendidi scenari naturali della montagna fatta di boschi, valli, fiumi, prati e molto altro ancora.


BelloBelloBelloBelloBelloBello

14/10/2010 - L'ombra del bastone
di Mauro Corona
Genere: Montagna - Anno: 2005

L'ombra del bastone è un romanzo che ti prende dalla prima pagina. Corona si trova nelle mani un quaderno in cui è raccontata la triste e tormentata storia della vita si Severino Corona detto Zino. In mezzo alla natura selvaggia delle montagne si consumano le violente passioni che conducono il protagonista in mezzo al tradimento, all'omicidio e poi al pentimento. La storia viene raccontata in prima persona ed è scritta in un misto di italiano / dialetto ma si lascia leggere molto bene. In questo libro troviamo già qualche riferimento alla vicenda che viene poi raccontata in "Storia di Neve". Bello!


BelloBelloBelloBelloBelloBello

28/07/2010 - Storia di Neve
di Mauro Corona
Genere: Montagna - Anno: 2010

Poetico e cruento al tempo stesso. Le ambientazioni montane sono molto suggestive e ben raccontate soprattutto nelle atmosfere invernali. La storia di Neve alla fine è solo un filo conduttore (leggi pretesto) per raccontare tante altre piccole storie parallele ed intrecciate in cui a volte è facile perdersi, ma che comunque ben caratterizzano i personaggi coinvolti. Alla fine il personaggio principale risulta essere il padre di Neve (Felice Corona Menin): perfido e crudele, si contrappone alla figura quasi angelica della figlia Neve. Bello, ma da non leggere come ho fatto io in spiaggia sotto l'ombrellone.


CarinoCarinoCarinoCarinoCarinoCarino

30/03/2010 - Grido di pietra
di Reinhold Messner
Genere: Montagna - Anno: 2009

Innanzitutto va detto che "Grido di pietra" è un libro per appassionati di montagna: in altre parole, la maggior parte delle persone lo troverebbe alquanto noioso. Il libro è incentrato sull'eterno enigma che imperversa da più di cinquant'anni sulla vicenda della prima salita del Cerro Torre ad opera di Maestri ed Egger, salita durante la quale Egger perse la vita. Quello che ne esce è la convinzione che la salita in questione non ci sia mai stata e che sia un grandissimo bluf ad opera dello stesso Maestri e di Cesarino Fava, organizzatore della spedizione. Un libro interessante dal punto di vista storico ma poco appassionante. Inoltre spesso l'autore si ripete nel rimarcare il suo punto di vista (e quello della comunità alpinistica) fino alla nausa, punto di vista che è già chiaro a partire dalle prime pagine.


BelloBelloBelloBelloBelloBello

06/12/2009 - Hermann Buhl - In alto senza compromessi
di Reinhold Messner
Genere: Montagna - Anno: 1998

Hermann Buhl, una leggenda dell'alpinismo, precipitato durante una spedizione nel Karakorum dopo la conquista della vetta del Chogolisa. In questo libro, Messner e Hofler raccontato la vita e le straordinarie imprese dell'alpinista: la solitaria alla Nord-Est del Badile e la prima assoluta (sempre in solitaria) del Nanga Parbat sono i capitoli più intensi di tutto il libro.


BelloBelloBelloBelloBelloBello

22/11/2009 - Parete Nord
di Heinrich Harrer
Genere: Montagna - Anno: 1999

La parete nord dell'Eiger ha da sempre rappresentato una delle prove alpinistiche tra le più dure che esistano al mondo, non tanto per le difficoltà tecniche, quanto più per i pericoli oggettivi che la parete porta con se. In questo libro, Harrer, oltre che a raccontare il grande successo della prima cordata che riuscì a superare il muro di 1800 metri, e che lo vide protagonista nel 1938, ne racconta anche i tragici primi tentativi, i successi ed i fallimenti che ne seguirono. Particolarmente intenso il capitolo dedicato alla tragedia di Toni Kurz. L'autore racconta anche dell'altra grande tragedia dell'Eiger, quella del 1957, che vide protagonisti gli italiani Stefano Longhi e Claudio Corti, impegnati sulla parete insieme ai tedeschi Franz Mayer e Gunther Nothdurft. Dei quattro uomini solo Corti venne tratto in salvo; il corpo di Longhi rimase appeso alle rocce per i successivi due anni; quelli dei tedeschi vennero trovati addirittura 4 anni dopo. Le polemiche che ne seguirono furono molto forti nei confronti di Corti, e proprio Harrer ne fu uno dei più accaniti accusatori. In più punti comunque Harrer critica in maniera piuttosto pesante ed arrongante l'alpinismo italiano su basi che non sono (a mio avviso) molto chiare.