Libri letti di recente


BelloBelloBelloBelloBelloBello

16/01/2015 - Ultramarathon man
di Dean Karnazes
Genere: Running - Anno: 2006

Dean Karnazes è senz'altro un personaggio fuori dal comune, non c'è che dire! E' uno di quelli che è riuscito a fare di una passione un vero e proprio business. Uomo dotato di elevate doti atletiche, Dean Karnazes grazie alle sue imprese è stato in grado di far conoscere al grande pubblico uno sport considerato piuttosto di nicchia e riservato a poche centinaia di pazzi.

Dopo aver praticato negli anni del liceo la corsa campestre, egli smise di colpo, a causa di un litigio con l'allenatore di allora, e non corse più per i successivi quindici anni. Nel frattempo si laureò ed intraprese la carriera di business man per conto di una grande azienda farmaceutica.

La sera del suo trentesimo compleanno, durante i festeggiamenti in un night club, la sua vita cambiò per sempre. Ubriaco e depresso uscì dal locale, tornò a casa, indossò un vecchio paio di scarpe da ginnastica, uscì in strada in piena notte e corse per quasi 50 chilometri. Fu così che iniziò la sua nuova vita ed il libro non è che la sua autobiografia da ultra-maratoneta. Karnazes racconta in modo molto colorito e simpatico delle sue imprese che superano qualsiasi limite umano possibile e immaginabile.

Tra i suoi racconti troviamo la Western States Endurance Run, la Badwater Ultramarathon, la prima maratona in Antartide con arrivo al Polo Sud. Nel 2006 completò 50 maratone, una al giorno per 50 giorni, in 50 stati diversi degli USA. Dean Karnazes è un personaggio simpatico , molto americano sotto molti punti di vista, ma in fondo in fondo rappresentato con un'immagine positiva seppure al limite dello spocchioso. Degne di nota sono le sue scorribande notturne con tanto di ristoro al volo a base di pizza e tacos.

Il libro si legge con interesse e divertimento e alla fine fa anche venire voglia di uscire in strada e mettersi a correre nel pieno della notte. Consigliato!


BelloBelloBelloBelloBelloBello

13/08/2014 - No way down
di Graham Bowley
Genere: Montagna - Anno: 2011

"No way down" è la ricostruzione giornalistica di una delle più grandi tragedie della montagna. Il 2 Agosto 2008, ben 11 alpinisti perdono la vita durante la scalata alla seconda montagna più alta del mondo, il K2. Il K2 è una montagna difficile, sia per le difficoltà tecniche, sia per l'imprevedibilità delle condizioni meteorologiche che spesso si incontrano; è anche una delle montagne più pericolose. Attraverso una vera e propria inchiesta giornalistica, l'autore ricostruisce con precisione incredibile dialoghi, gesta, errori, sensazioni ed emozioni di quei giorni terribili. Tra i protagonisti c'è anche il valtellinese Marco Confortola, il quale è uno dei pochi a salvarsi miracolosamente, e l'unico testimone delle ultime ore che precedono il tragico epilogo. Un libro da leggere tutto d'un fiato per come è scritto e per i fatti che in esso vengono raccontati. Nonostante questo va comunque considerato il fatto che l'autore non ha mai partecipato ad una spedizione su un 8000 e che l'intera vicenda viene narrata come ricostruzione esterna.


StupendoStupendoStupendoStupendoStupendoStupendo

12/08/2014 - E' buio sul ghiacciaio
di Hermann Buhl
Genere: Montagna - Anno: 2007

Hermann Buhl è considerato uno dei più forti alpinisti estremi di tutti i tempi. Parliamo ovviamente del periodo classico dell'alpinismo, quello dei Cassin e dei Bonatti, tanto per capirci. Il libro è la sua biografia, scritta di suo pugno, in modo veloce e schietto. Partiamo dalle prime salite sulle vette nei dintorni di Innsbruck, sua città natale, per arrivare poi all'incredibile impresa della nord-est del pizzo badile in solitaria (percorrendo in bicicletta la strada che da Innsbruck conduce alle pendici del monte), alla grande opera di salvataggio sulla nord dell'Eiger fino alla conquista del Nanga Parbat, sempre in solitaria (a partire dall'ultimo campo) e senza l'ausilio di bombole di ossigeno. Quest'ultima considerata poi una delle più grandi imprese della storia dell'alpinismo. E' buio sul ghiacciaio è un libro che non può assolutamente mancare in ogni libreria di chi volesse conoscere la storia dell'alpinismo.


Così cosìCosì cosìCosì cosìCosì cosìCosì cosìCosì così

02/05/2014 - L'arte di correre
di Haruki Murakami
Genere: Running - Anno: 2009

"L'arte di correre" di Haruki Murakami è un libro piuttosto conosciuto nell'ambiente del running. L'autore, maratoneta e scrittore, lo definisce come un libro di memorie. A me personalmente ha abbastanza deluso. Innanzitutto l'ho trovato tremendamente noioso. Mi aspettavo un libro che parlasse "di corsa", mentre spesso ci sono divagazioni che nulla hanno a che fare col tema in oggetto, divagazioni che compaiono in maniera del tutto disorganica e disorganizzata. Insomma, un libro che si può tranquillamente evitare.


BelloBelloBelloBelloBelloBello

14/03/2014 - Corro perchè mia mamma mi picchia
di Giovanni Storti, Franz Rossi
Genere: Running - Anno: 2014

"Corro perché mia mamma mi picchia" é un libro leggero e molto divertente scritto da Giovanni Storti, componente del famoso trio comico, e da Franz Rossi, suo amico e compagno di avventure. L'ilarità che trasuda dalle pagine del libro è ben confezionata e mai banale; la semplicità delle storie risulta ben bilanciata con i tanti momenti di riflessione intensa e poetica sul mondo del running ed in particolare del trail.
Ciascun capitolo rappresenta una storia a se: quelli scritti da Giovanni Storti, risultano ben delineati dalle immancabili battute e dalle tante situazioni al limite del tragicomico. Quelli scritti da Franz Rossi, sono invece decisamente più riflessivi e coinvolgenti.
Questa continua alternanza delle tante storie di corsa fanno scorrere piacevolmente l'intera lettura del libro, conducendo il lettore a diventare quasi protagonista dell'avventura e del viaggio.
Sì perchè spesso e volentieri proprio di viaggio si parla: andiamo dalla Montagnetta di San Siro, passando dall'Islanda, agli Stati Uniti, all'Etiopia; per arrivare infine fino all'ultimo, bellissimo ed intenso capitolo, dedicato al Tor de Geants, l'ultra-trail di 330 km che percorre l'Alta Via n. 1 e 2 della Val d'Aosta.
Giudizio finale decisamente positivo!
Un libro che consiglio a tutti!
Non posso far altro che chiudere con una citazione tratta dal libro:
"Correre significa muoversi da un posto all'altro senza necessitá di altro che le tue gambe. Il movimento é vita. È scoperta. È avventura. La magia della corsa è tutta qui. Correre ti fa sentire vivo."


StupendoStupendoStupendoStupendoStupendoStupendo

25/02/2014 - Andiamo a correre
di Fulvio Massini
Genere: Running - Anno: 2012

Il libro contiene moltissimi spunti per chi come me si è da poco avvicinato al mondo del running e necessita di una vera e propria guida.
Molto interessanti i capitoli sulle varie tipologie di allenamento contenenti anche moltissime tabelle sulle quali fare riferimento per le proprie sessioni di corsa.
Fulvio Massini, da trent'anni allenatore di maratoneti, in questo libro ci spiega la tecnica, l'allenamento, l'alimentazione, l'abbigliamento, gli accessori, gli infortuni e gli esercizi per evitarli.
Un vero e proprio manuale della corsa da leggere e poi tornare a consultare in ogni occasione.


BelloBelloBelloBelloBelloBello

02/01/2014 - Parli sempre di corsa
di Linus
Genere: Sport - Anno: 2010

Parli sempre di corsa é la personale interpretazione del significato che la corsa ha per Linus, il noto dj appassionato di corsa e di maratone in particolare.
Partendo proprio dal ricordo di una delle maratone di New York a cui ha partecipato l'autore, viene presentato la visione del mondo del running in un ottica divertente e appassionata.
Un libro leggero e piacevole in cui molti runner avranno modo di ritrovarsi.


BelloBelloBelloBelloBelloBello

12/12/2013 - Prealpi Lombarde Occidentali
di Roberto Ciri, Oliviero Bellinzani
Genere: Montagna - Anno: 2013

E' uscita nelle librerie la nuova guida escursionistica intitolata "Prealpi Lombarde Occidentali" di Roberto Ciri e Oliviero Bellinzani, all'interno della quale sono pubblicate una decina di mie fotografie. Si tratta di una guida molto completa dedicata alle cime delle Prealpi Varesine e Comasche: ben 90 vie normali, molte delle quali poco conosciute e scarsamente frequentate, suddivise in schede con descrizione dettagliata dei percorsi di avvicinamento e salita, difficoltà, dislivelli, foto a colori con tracciato della via, schizzi di salita per le vie di roccia, difficoltà, foto di dettaglio, cenni storici e cose da vedere in zona. Si tratta del secondo di tre volumi dedicati alle Prealpi Lombarde e prende in considerazione i 13 gruppi montuosi compresi nelle Prealpi Occidentali, dette anche Prealpi Varesine e Comasche: Tamaro, Nudo-Colonna, Campo dei Fiori-Martica, Sette Termini-Piambello-San Giorgio, Camoghè, Fiorina, Gino, Generoso, Tremezzo, Gordona-Bisbino, Palanzone, San Primo, Corni di Canzo. Il libro è edito da Idea Montagna ed è disponibile nei principali stores on line, nonchè sul sito dell'editore.


BelloBelloBelloBelloBelloBello

27/11/2013 - Le verità altrui
di Salvatore Scarciglia
Genere: Noir - Anno: 2013

"Le verità altrui" è il titolo del secondo romanzo dell'amico Salvatore Scarciglia ed è edito da 0111 Edizioni.
In questa seconda prova, Salvatore esplora il genere del noir, accompagnandoci in una vicenda davvero originale che si basa su un tema che da sempre ha interessato studiosi, filosofi, scrittori, poeti e cantanti: la verità. Come per il primo romanzo, il racconto (inteso come la vicenda narrata) ed i fatti che pagina dopo pagina vengono alla luce, sono evidentemente un pretesto.
Quello che Salvatore intende "iniettare" nel lettore è una domanda semplice, cristallina, ma dalla risposta assai complicata se non addirittura impossibile.
Che cosa è la verità?
Per tutti gli esseri umani la verità è solo una parte del vero; ciascuno di noi ha la sua di verità e di fatto risulta impossibile definirne una ed una sola che sia valida in senso assoluto.
Più precisamente, possiamo affermare che si tratta della soggettiva interpretazione dell'accaduto; infatti, nella verità percepita da ognuno di noi, è sempre presente quella libera ed incontrollabile percezione della realtà che la inquina di relativismo ed individualità.
Già nella Bibbia, quando Ponzio Pilato incontrò Gesù e gli pose la domanda Quid est veritas?, egli non attese la risposta e Gesù stesso rimase in silenzio.
Due comportamenti diversi, ma accomunati da un'unica, disarmante consapevolezza: la verità non appartiene agli uomini. Da un lato abbiamo Pilato che giudica superfluo attendere la risposta, in quanto molto probabilmente considera il riscontro di Gesù semplicemente inventato o immaginario; dall'altro abbiamo Gesù, il quale sa molto bene che non è possibile rispondere alla domanda, essendo la verità immensa ed indefinibile a tal punto da non poterla tradurre in linguaggio.
Per l'uomo, protagonista drammatico e misterioso del romanzo di Salvatore Scarciglia, le cose non stanno esattamente così.
Un intero paese viene mobilitato a seguito del delitto della figlia del sindaco: la polizia è impegnata a far luce sulla vicenda alla ricerca del colpevole. Tutti sembrano ostinati nella ricerca della verità, tutti tranne l'uomo, che la verità la conosce alla perfezione grazie ad un dono ottenuto a causa di un terribile evento verificatosi nel suo passato.
Nella realtà dei fatti, questa incredibile capacità si rivela solo all'apparenza un dono: l'uomo è infatti vittima di atroci sofferenze che ogni sera è costretto a subire proprio a causa di questa sua abilità.
Pagina dopo pagina il lettore viene portato verso la tesi che la verità richieda un prezzo molto alto da pagare e che l'uomo (inteso probabilmente come il genere umano) non sia dunque in grado di sopportarla.
Un libro che scivola via velocemente e gradevolmente, in grado di prendere il lettore sin dalle prime pagine e condurlo fino alla fine attraverso uno stile molto personale del quale si nota immediatamente l'innalzamento di livello rispetto al primo libro "L'uomo d'istinto".
Visita il sito di Salvatore Scarciglia per maggiori informazioni.


StupendoStupendoStupendoStupendoStupendoStupendo

08/08/2013 - 44 passi - Itinerari per famiglie in Valtellina e Valchiavenna
di Luca Arzuffi
Genere: Montagna - Anno: 2013

Su segnalazione di Andrea Savonitto (gestore del rifugio Croce di Campo in Val Cavargna), qualche mese fa ho acquistato il libro/guida "44 PASSI - itinerari per famiglie in Valtellina e Valchiavenna" di Luca Arzuffi, edito da Lyasis Edizioni.


Leggi la recensione