Film visti di recente


StupendoStupendoStupendoStupendoStupendoStupendo

19/06/2014 - Déjame Vivir
di Sébastien Montaz-Rosset, con K. Jornet
Genere: Montagna - Anno: 2014

Déjame Vivir è il secondo film della serie "Summits of my life" diretto da Sébastien Montaz-Rosset sulla vita e le avventure di Kilian Jornet.
Il film ripercorre le principali imprese di Kilian durante l'estate del 2013, tra cui il record di salita sul Monte Bianco nel mese di luglio, il tentativo di salita sul Monte Elbrus, ed il suo incredibile record di velocità di salita e discesa dal Monte Cervino nel mese di agosto.

Ma il film è anche una biografia del personaggio Kilian al di là di eventi, gare e record. Vediamo Kilian che gioca all'aria aperta quasi come fosse un bambino, la sua passione vera per lo skyrunning, il rapporto con amici e conoscenti; vediamo il campione del mondo di fronte ad un altro grande campione quale Bruno Brunod, ex-dententore del record di salita e discesa del Cervino.

Gli ultimi quindici minuti sono poi il culmine del film: Kilian alle prese con il Monte Cervino. Le riprese sono notevoli e realizzate con estrema cura di dettagli, il montaggio è avvincente e appassionante. La discesa viene fatta con una naturalezza tale da sembrare quasi "semplice", eppure stiamo parlando di una via alpinistica di tutto rispetto!

Un film da guardare e riguardare che sicuramente può appassionare chiunque!


StupendoStupendoStupendoStupendoStupendoStupendo

23/12/2013 - I Croods
di Chris Sanders, con
Genere: Animazione - Anno: 2013

Una bella storia, divertente e dinamica. Simpaticissimi i personaggi. Ormai se si vuole vedere un gran bel film, restano soltanto i cartoni animati e poco altro.


StupendoStupendoStupendoStupendoStupendoStupendo

02/12/2013 - Cattivissimo me 2
di Pierre Coffin, con
Genere: Animazione - Anno: 2013

Ancora meglio del primo capitolo: capolavoro!


StupendoStupendoStupendoStupendoStupendoStupendo

30/11/2013 - Cattivissimo me
di Pierre Coffin, con
Genere: Animazione - Anno: 2010

Stupendo


StupendoStupendoStupendoStupendoStupendoStupendo

23/08/2013 - Stelle e tempeste
di Gaston Rébuffat, con Gaston Rébuffat
Genere: Montagna - Anno: 1955

Il grande Gaston Rebuffat, oltre ad essere stato uno dei più forti alpinisti di tutti i tempi, nel 1955 realizzò questo interessantissimo film ambientato su alcune delle più difficili pareti nord delle Alpi: Grandes Jorasses, Pizzo Badile, Cervino, Cima Grande di Lavaredo, Eiger. Con uno spirito quasi giocoso e fanciullesco, e grazie alle straordinarie riprese (per l'epoca ovviamente) di George Tairraz, veniamo proiettati nei tempi gloriosi dell'alpinismo classico, quando uomini coraggiosi si legavano direttamente in vita con corde di canapa, l'uso dei chiodi di assicurazione era alquanto aleatorio, le scalate su ghiaccio venivano compiute a colpi di picozza per scavare gradini ed appigli nel ghiaccio vivo. Il film è in lingua originale con sottotitoli in italiano e siamo lontani dalle riprese in Full HD dei moderni film di montagna; ma è proprio questo il punto di forza del film, che consiglio soprattutto a chi comincia solo oggi a interessarsi di alpinismo e di montagna, proprio per capire come fossero le condizioni di allora nel compiere imprese di questo tipo.


StupendoStupendoStupendoStupendoStupendoStupendo

08/07/2013 - Quasi amici
di Olivier Nakache, con F. Cluzet, O. Sy, A. Le Ny
Genere: Commedia - Anno: 2011

Non guardavo un film da mesi ormai. Ottimo riprendere con questa divertente commedia con un "fondo" però altamente drammatico. E' proprio su questo contrasto, e su molti altri, che questa pellicola risulta vincente. La prova dei due protagonisti poi è davvero credibile, con un punto in più per l'attore che recita le parti del "badante".


StupendoStupendoStupendoStupendoStupendoStupendo

26/12/2012 - A Christmas Carol
di Robert Zemeckis, con J. Carrey, G. Oldman, R. Wright
Genere: Animazione - Anno: 2009

Spettacolare l'uso del 3D, le animazioni e le ambientazioni cupe che sono presenti durante tutto il corso del film. Forse più adatto ad un pubblico adulto, è un film da non perdere assolutamente


StupendoStupendoStupendoStupendoStupendoStupendo

06/11/2012 - L'eco del silenzio
di Louise Osmond, con J. Simpson
Genere: Montagna - Anno: 2007

L'eco del silenzio è tratto dall'omonimo libro di J. Simpson, autore dell'acclamatissimo libro/film "La morte sospesa". Il film ripercorre una delle vicende più tragiche dell’epopea dell’alpinismo classico: il tentativo del giovane e brillante scalatore Toni Kurz che nel 1936 affrontò con tre compagni di cordata l’inviolata parete Nord dell’Eiger. Con una coinvolgente ricostruzione dei fatti accaduti in quei “maledetti” giorni, Simpson ci guida in un tempo e in uno spirito dell’alpinismo che sembrano oggi lontanissimi. L’impresa si concluse drammaticamente, ma rimane uno degli esempi più eroici e luminosi nella storia dell’alpinismo mondiale. Simpson, con un raccondo adrenalinico, guida lo spettatore in un tempo e in uno spirito che ci sembrano oggi lontanissimi e ripercorre la vicenda calandosi, meglio di chiunque altro, nella mente dello sfortunato Kurz. Il film termina con un'attenta riflessione sul concetto del rischio estremo. Bellissimo! Se cercate su Youtube "Eco del silenzio", potete trovare l'intero film diviso in sei parti.


StupendoStupendoStupendoStupendoStupendoStupendo

29/10/2012 - Into the wild
di Sean Penn, con E. Hirsch, V. Vaughn, H. Holbrook
Genere: Drammatico - Anno: 2007

Ho rivisto per l'ennesima volta questo film meraviglioso. Lo so, a non tutti è piaciuto e addirittura molti lo trovano noioso.
Che dire, forse questo film va semplicemente capito, ed una volta capito, allora forse puoi arrivare addirittura ad amarlo perchè in qualche modo il film è in grado di spiegare qualcosa di te che tu non riesci del tutto a comprendere.
Non farò una recensione sul film, è uscito ormai qualche anno fa e di recensioni fatte bene ce ne sono davvero tante in giro.
Quello che lascio in questa pagina è soltanto l'appunto di una persona che questo film l'ha fatto un po' suo, in quanto capace di spiegare quell'umana follia che risiede in alcuni uomini, follia che non tutti comprendono, ma che rende l'essere umano in grado di compiere gesti che non sempre apparentemente trovano una spiegazione razionale, ma che sono lì, semplicemente umani, semplicemente reali.


StupendoStupendoStupendoStupendoStupendoStupendo

13/09/2012 - Walter Bonatti, con i muscoli, con il cuore, con la testa
di Michele Imperio, con W. Bonatti, R. Messner, R. Podestà
Genere: Montagna - Anno: 2011

Il DVD, edito con la Gazzetta dello Sport, è il primo film/documentario autorizzato sulla vita di Walter Bonatti. Per chi non lo conoscesse, Walter Bonatti è stato uno dei più grandi alpinisti di tutti tempi durante gli anni 50-60. Dopo aver conquistato moltissime pareti considerate allora impossibili sulle Alpi, dopo la vicenda del K2, avventura che lo ha visto vittima di un bivacco a più di 8000 metri di quota nella cosiddetta "zona della morte" e protagonista nel successo tutto italiano della conquista della vetta, dopo la spedizione del Gasherbrum 4, dal 1965 Walter Bonatti si da all'esplorazione dei luoghi più remoti della terra portando a casa stupende immagini che verranno poi pubblicate sotto forma di reportage sul settimanale Epoca. Un grande uomo che ha fatto dell'avventura l'essenza della sua stessa esistenza. Il film, prodotto da Road Television e presentato per la prima volta all’ultima edizione del TrentoFilmfestival, oltre che a raccontare molto bene le principali avventure di Bonatti senza sensazionalismi e senza scalpori, ci mostra il suo lato più umano, rappresentando quella che era la sua filosofia di vita: l'avventura intesa come un modo per conoscere meglio se stessi attraverso un contatto intimo con la Natura. E allora ecco che il sogno, la semplice immaginazione della cima, si concretizzano nella sua conquista fino a trasformarsi in un ideale di libertà dell'essere umano. Grazie ad immagini d'epoca, interviste e grazie soprattutto alle testimonianze della compagna Rossana Podestà e del "collega" Rehinold Messner, riviviamo i momenti più salienti della vita di Bonatti, accompagnati dalle calde note della musica di Salvatore Sangiovanni. Un film che dovrebbe essere una "tappa obbligata" per tutti gli appassionati di montagna e di avventura.